ADOZIONE LIBRI DI TESTO. LE MODALITA’ E LE POSSIBILITA’

 

di MARIA GIOVANNA DAMIANO

E’ inutile nasconderlo, in questa fase dell’anno scolastico noi docenti siamo sepolti da montagne di proposte libri di testoeditoriali, che ci giungono da ogni parte e che ci interessano, ci incuriosiscono e ci confondono allo stesso tempo. I promotori ci fanno visita, ci mostrano, ci illustrano, ci guidano e non è affatto facile muoversi e districarsi in questo labirinto di proposte. E’ una bella responsabilità cambiare un testo scolastico, perché ci accompagnerà negli anni, ci sosterrà nelle lezioni, guiderà i nostri ragazzi a scuola e nelle attività a casa. Inoltre rappresenta una spesa gravosa per le famiglie e pertanto deve essere valutata con riguardo, senza alcuna superficialità. L’adozione dei libri di testo nelle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2016/2017 è sempre disciplinata dalle istruzioni impartite con nota prot. 2581 del 9 aprile 2014, emanata dal Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione con la Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione. Dunque nulla di nuovo sotto il sole, eppure con nota del 30 marzo 2016 sono arrivate alcune precisazioni, che si riferiscono soprattutto al tetto di spesa per la scuola secondaria di II grado, in merito alle adozioni a partire dall’anno scolastico 2014/2015 come già in d.m. n.281/2013. Nella nota del 30 marzo si legge anche che le adozioni saranno approvate in Collegio docenti nella seconda decade di maggio e che i Dirigenti scolastici saranno chiamati, come sempre, a vigilare sul clima e sulle modalità delle nuove adozioni. Gli insegnanti sono insomma tenuti a valutare e a scegliere con libertà assoluta, con autonomia, lontani da qualunque condizionamento, pressione, mendacità. Sarebbe interessante potersi confrontare nelle riunioni di dipartimento, condividere dubbi con i colleghi che insegnano le stesse discipline, trovare insieme i punti di forza e di debolezza di un nuovo testo rispetto a quello già in uso. Un confronto indispensabile proprio perché la scelta di un libro  non è cosa da poco: sarà il punto di riferimento, la guida didattica per eccellenza.  E cosa dire delle espansioni web, delle aule digitali, dei percorsi inclusivi, delle pagine visuali, delle mappe concettuali, delle versioni per tablet? Sono un valore aggiunto, imprescindibile nel percorso di insegnamento-apprendimento dei nostri giorni. Ma ritorniamo alla tempistica delle nuove adozioni. Ricordiamo che la trasmissione dei dati dovrà essere effettuata entro il 9 giugno 2016, poiché, come già da alcuni anni ormai,  l’AIE (Associazione Italiana Editori) dovrà rendere note le nuove adozioni sul portale www.adozioniaie.it. E guai a chi avesse dei ripensamenti. A settembre non si potrà tornare indietro! I testi approvati nel Collegio di maggio non possono essere più sostituiti. Maggio è alle porte; tutti al lavoro, e poi via ad una esauriente relazione, che offra al nostro Dirigente e a tutto il Collegio un quadro chiaro e completo delle scelte operate.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *